Sei in: Home »
 
22 ottobre 2021 - SANATORIE EDILIZIE

Precisazioni dell'Unità Controllo Edilizio in caso di variante al deposito sismico


 

 

SI PRECISA CHE PER LA TARDIVA PRESENTAZIONE DI UNA VARIANTE NON SOSTANZIALE AL DEPOSITO DEL PROGETTO ESECUTIVO STRUTTURALE (SUCCESSIVA ALLA COMUNICAZIONE DI FINE LAVORI), NON TROVANDO APPLICAZIONE L’AUTORIZZAZIONE SISMICA IN SANATORIA, OCCORRERÀ PRESENTARE TRAMITE PEC ALL’UNITÀ SISMICA IL MUR A.15/D9 E LA DOCUMENTAZIONE TECNICA PREVISTA DALLA D.G.R. 21 DICEMBRE 2016, N. 2272 (ALLEGATO 2, PARAGRAFO 3: “ELABORATI PROGETTUALI CON CUI DIMOSTRARE LA RICORRENZA DELLE VARIANTI INCORSO D’OPERA, RIGUARDANTI PARTI STRUTTURALI, CHE NON RIVESTONO CARATTERE SOSTANZIALE”).

NELLA SANATORIA EDILIZIA OCCORRERÀ COMPILARE IL PUNTO 16.3 DEL MODULO 2 E PRESENTARE ASSEVERAZIONE AI SENSI DELL’ART. 22 L.R. 19/08 IN CUI SI DICHIARA CHE LE OPERE REALIZZATE NON COMPORTANO MODIFICHE ALLE PARTI STRUTTURAL DELL'EDIFICIO O AGLI EFFETTI DELL'AZIONE SISMICA SULLE STESSE.


Commenti a questo articolo [0]:

Commenta l'articolo:

Lo sportello unico dell'edilizia leggerà il Blog settimanalmente, raggrupperà le tematiche per argomento e risponderà di conseguenza.

captcha

Comune di Forlì - Piazza Saffi, 8 47121 Forlì - Tel. 0543 712111 - Partita IVA: 00606620409
Redazione a cura dello Sportello unico dell'edilizia

Valid XHTML 1.0 Strict