Sei in: Home » SISMICA
 
NOVITA' E NOTIZIE DALL'UNITA' SISMICA

__________________________________________

Per altre notizie e istruzioni cliccare nei sottomenù 

INFORMAZIONI

PROCEDIMENTI

MODULISTICA

____________________________________________________________________

NUOVE PRATICHE SISMICHE RESIDENZIALI IN COMUNE DI FORLì: in alternativa alla PEC è possibile la presentazione con ACCESSO UNITARIO

_________________________________________________________________________

PRECISAZIONE PER INVIO PRATICHE SISMICHE per interventi di interesse locale/comunale

FORLI':
A sismica@pec.comune.forli.fc.it

FORLIMPOPOLI:
A protocollo@pec.comune.forlimpopoli.fc.it
Cc sismica@pec.comune.forli.fc.it

BERTINORO:
A protocollo@pec.comune.bertinoro.fc.it
Cc sismica@pec.comune.forli.fc.it

CASTROCARO:
A protocollo@pec.comune.castrocarotermeeterradelsole.fc.it
Cc sismica@pec.comune.forli.fc.it

PREDAPPIO:
A comune.predappio@cert.provincia.fc.it
Cc sismica@pec.comune.forli.fc.it

INOLTRO CON PEC DOCUMENTAZIONE PRATICHE SISMICHE DAL 02/12/2021 PER BLOCCO SIS   

Con riferimento alla comunicazione della Regione Emilia-Romagna PG 1101778 del 30/11/2021 relativamente al fermo dell’applicazione SIS prevista per il 02/12/2021 e al successivo blocco delle funzionalità di inoltro (nuove pratiche, comunicazioni, integrazioni) sia dai professionisti verso gli Enti che dagli Enti verso i professionisti,

in attesa di attivare anche per i procedimenti sismici l’utilizzo di Accesso Unitario (che sarà in ogni caso preceduto da percorsi formativi per i professionisti realizzati in collaborazione con la Regione e gli Ordini/Collegi Professionali)


dal 02/12/2021 l’inoltro di nuove pratiche sismiche, integrazioni, varianti non sostanziali, documentazione di fine lavori e ogni altra comunicazione relativa ai procedimenti sismici (anche se avviati con SIS) dovrà avvenire a mezzo PEC al Comune e per conoscenza alla Struttura tecnica competente,
ad eccezione delle pratiche sismiche contestuali alle CILA-S inoltrate con Accesso Unitario.

L’applicazione SIS, off-line per l’intera giornata del 02/12/2021, dal 03/12/2021 sarà disponibile per la sola consultazione delle pratiche, e rimarrà accessibile tramite SPID, fino alla messa on line della nuova applicazione regionale dedicata all’archiviazione basata su Parer.

Icon Comunicazione RER PG 1101778 del 30/11/2021 (183.1 KB)

INVIO PEC:

  • il contenuto delle pratiche sismiche e le caratteristiche documenti informatici rimangono gli stessi richiesti col SIS, mentre per la dimensione massima degli allegati da trasmettere con pec si dovrà fare riferimento alle caratteristiche delle caselle pec dei singoli Enti

  • nell’oggetto delle pec dovrà essere chiaramente indicato se si tratta di Istanza di Autorizzazione Sismica o di Deposito Sismico, COMMITTENTE, l'indirizzo e il COMUNE, e negli invii successivi al primo dovranno essere indicati anche gli estremi delle pratiche a cui ci si riferisce (PG e numero ove presente, COMUNE, e se avviate col SIS anche il relativo ID)

Questi gli indirizzi PEC: 

______________________________________________________________________________

INTERVENTI DI INTERESSE LOCALE E  COMUNALE

L’Unità Sismica del Comune di Forlì svolge le funzioni di Struttura tecnica competente in materia sismica per gli interventi di interesse locale e comunale, per i quali il rimborso forfettario per le spese istruttorie di cui alla D.G.R. 1934/2018 dovrà essere effettuato al Comune di Forlì (con versamento su c/c postale n. 16643470, bonifico bancario IBAN  IT08I0627013199T20990000685 o versamento presso sportello La Cassa di Ravenna Codice Ente 685)

_____________________________________________________________________________________-

INTERVENTI DI INTERESSE SOVRACOMUNALE DI COMPETENZA REGIONALE

 Per gli interventi strutturali su edifici di INTERESSE SOVRACOMUNALE, definiti dalla DGR 1343 del 30/08/2021 e integrata dalla DGR 2155 del 20/12/2021, la Struttura tecnica preposta al controllo è il Servizio Geologico, Sismico e dei Suoli della Regione Emilia-Romagna.

Icon DGR 1343/2021 interventi SOVRACOMUNALI (808.5 KB)

Icon DGR 2155/2021 precisazione interventi Sovracomunali (1.4 MB)

PRESENTAZIONE PROGETTI PER INTERVENTI SOVRACOMUNALI

  • il progetto esecutivo dovrà essere trasmesso al SUE/SUAP del Comune di competenza che provvederà a inoltrarlo alla Struttura tecnica regionale di competenza
  • il rimborso forfettario per le spese istruttorie di cui alla D.G.R. 1934/2018 dovrà essere effettuato sul conto corrente postale della Regione Emilia-Romagna n.367409, codice IBAN IT18C0760102400000000367409, intestato a Regione Emilia-Romagna Presidente Giunta regionale e riportare la causale "L.R. n. 19 del 2008 - Rimborso forfettario per istruttoria della progettazione strutturale" oltre alle indicazioni necessarie ad individuare inequivocabilmente la pratica cui si riferisce il versamento stesso.

INTERVENTI DI INTERESSE STATALE

Per i progetti di lavori pubblici di interesse statale (elenchi A e B del Decreto del Capo del dipartimento della protezione civile 21 ottobre 2003) o comunque finanziati per almeno il 50 per cento dallo Stato, la verifica preventiva di cui all'articolo 26 del decreto legislativo 18 aprile 2016, n. 50, accerta anche la conformità dei progetti alle norme tecniche per le costruzioni. (art. 5 DL 136/2004 modificato dal DL 76/2020 convertito co modifiche dalla L. 120/2020).
L'esito positivo della verifica esclude l'applicazione delle previsioni di cui all'articolo 4 della legge 5 novembre 1971, n. 1086, al capo III del titolo II della legge 2 febbraio 1974, n. 64, e alla sezione II del capo IV della parte II del decreto del Presidente della Repubblica 6 giugno 2001, n. 380 (procedimenti di Deposito e Autorizzazione Sismica, Denuncia dei lavori opere in c.a. e metalliche).

PRESENTAZIONE PROGETTI DI INTERESSE STATALE
I progetti corredati dalla verifica di cui all'articolo 26 del decreto legislativo 18 aprile 2016, n. 50 sono depositati, con modalità telematica, presso l'archivio informatico nazionale delle opere pubbliche-AINOP ( di cui all'articolo 13, comma 4, del decreto-legge 28 settembre 2018, n. 109, convertito, con modificazioni, dalla legge 16 novembre 2018, n. 130).Con la stessa modalità sono depositati le varianti di carattere sostanziale regolarmente approvate e i documenti di cui agli articoli 6 e 7 della legge 5 novembre 1971, n. 1086, nonché agli articoli 65, comma 6, ove applicabile, e 67, commi 7 e 8-ter, del decreto del Presidente della Repubblica 6 giugno 2001, n. 380 (Relazione a struttura ultimata, Collaudo, Certificato di regolare esecuzione)

Pagina in cui trovare informazioni per il deposito dei progetti di interesse statale: https://ainop.mit.gov.it/portale#/deposito

Prima della presentazione di pratiche sismiche di opere che rientrano negli elenchi A e B allegati alla DGR 1343/2021 e/o negli elenchi A e B del Decreto del Capo del Dipartimento della Protezione Civile 21 ottobre 2003, SI INVITANO I TECNICI A CONTATTARE l’Unità Sismica per individuare correttamente la Struttura Tecnica competente per il controllo

____________________________________________________________________________________________________________

Aggiornamento Modulistica Unificata Regionale relativa ai provvedimenti in materia SISMICA (MUR)

Con Determinazione Dirigenziale n. 6896 del 19/04/2021 la Regione Emilia-Romagna ha aggiornato parte della Modulistica Unificata Regionale per recepire i recenti aggiornamenti della disciplina contenuta nel DPR 380/2001, nelle Linee Guida di cui al DM 30 aprile 2020 e nella DGR 1814/2020

Icon DD 6896/2021 (765.5 KB)

__________________________________________________________________

PARERE DEL CTS IN MERITO AGLI ADEMPIMENTI DI DENUNCIA DEI LAVORI, COLLAUDO E CERTIFICATO DI REGOLARE ESECUZIONE (articoli 65 e 67 del DPR 380/2001)

  Icon parere del CTS n. 176 del 12/11/2020 (1.5 MB)

Questo il contenuto del parere:

1. sono oggetto di DENUNCIA ai sensi dell’art. 65 del DPR 380/2001 tutte le opere realizzate con materiali e sistemi costruttivi disciplinati dalle norme tecniche in vigore inclusi gli interventi di riparazione e gli interventi locali sulle costruzioni esistenti, e gli interventi che, per loro caratteristiche intrinseche e per destinazione d'uso, non costituiscono pericolo per la pubblica incolumità (IPRiPI);

2. in linea generale il COLLAUDO STATICO deve essere effettuato per tutte le costruzioni, le opere geotecniche, le opere di protezione ambientale quando presentino componenti rilevanti ai fini strutturali, e per gli interventi di adeguamento e miglioramento delle costruzioni esistenti di cui al Capitolo 8 delle NTC.
Per quanto attiene gli interventi di riparazione e gli interventi locali sulle costruzioni esistenti e gli interventi che, per loro caratteristiche intrinseche e per destinazione d'uso, non costituiscono pericolo per la pubblica incolumità (IPRiPI), in accordo con quanto indicato all’art 67 commi 8-bis e 8-ter del DPR 380/2001, si ritiene che il certificato di collaudo sia sostituito dalla DICHIARAZIONE DI REGOLARE ESECUZIONE resa dal direttore dei lavori.

__________________________________________________________________________________________

NOVITÀ PER LA DISCIPLINA DEI PROCEDIMENTI DI AUTORIZZAZIONE E DEPOSITO

Con DGR N. 1814 del 07/12/2020 (pubblicata sul BUR N. 442 del 23 dicembre 2020 e pertato operativa dal 24/12/2020) è stato approvato l' “ATTO DI INDIRIZZO RECANTE L'INDIVIDUAZIONE DEGLI INTERVENTI STRUTTURALI IN ZONE SISMICHE, DI CUI ALL'ARTICOLO 94-BIS DEL DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 6 GIUGNO 2001, N. 380, IN ADEGUAMENTO ALLE LINEE GUIDA APPROVATE CON IL DECRETO DEL MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI 30 APRILE 2020” che ha individuato nuove tipologie di INTERVENTI “DI MINORE RILEVANZA” DA ASSOGGETTARE A DEPOSITO e ridotto le tipologie degli INTERVENTI “RILEVANTI” SUBORDINATI AD AUTORIZZAZIONE SISMICA 

Icon D.G.R. 1814 del 07/12/2020 (415.0 KB)

Per quanto riguarda la ZONA SISMICA 2, in cui sono compresi i Comuni che si avvalgono della Struttura Tecnica Competente istituita presso il Comune di Forlì, a seguito delle modifiche introdotte dalla DGR 1814/2020


SONO SOGGETTI A DEPOSITO:

gli INTERVENTI di cui all’art. art. 94 bis comma 1 lettera b) del DPR 380/2001 individuati dal DM 20/04/2020 che rientrano nella categoria B di MINORE RILEVANZA di cui all'allegato 1 alla DGR n. 1814/2020:

  • interventi di adeguamento o miglioramento in sito con ag (accelerazione al suolo rigido orizzontale e tempo di ritorno 475 anni) 0,2 g che non riguardano costruzioni di interesse strategico o rilevante _ punto B.1 allegato 1 alla DGR n. 1814/2020

  • interventi di riparazione e/o interventi locali sulle costruzioni esistenti _ punto B.2 allegato 1 alla DGR n. 1814/2020

  • nuove costruzioni non complesse con usuali tipologie che non riguardano costruzioni di interesse strategico o rilevante _ punto B.3 allegato 1 alla DGR n. 1814/2020

  • nuove costruzioni con presenza solo occasionale di persone ed edifici agricoli in classe d’uso I di cui al § 2.4.2 delle NTC 2018 _ punto B.4 allegato 1 alla DGR n. 1814/2020

gli INTERVENTI PER L'ELIMINAZIONE DELL BARRIERE ARCHITETTONICHE, di cui all'art. 80 del DPR 380/2001e all'art. 17 della LR 19/2008

che NON RIGUARDANO:

  • abitati dichiarati da consolidare, di cui all'art.11, comma 2 lettera a) della LR n.19/2008
  • sopraelevazione di edifici, di cui all’art. 11, comma 2, lettera d) della L.R. n. 19/2008)
  • violazione delle norme tecniche antisismiche, di cui all’11, comma 2, lettera b), della LR n.19/2008;


RIMANGONO SOGGETTI AD AUTORIZZAZIONE:

gli INTERVENTI di cui all’art. art.94 bis comma 1 lettera a) del DPR 380/2001 individuati dal DM 20/04/2020 che rientrano nella categoria A RILEVANTI di cui all'allegato 1 alla DGR n. 1814/2020:

  • interventi di adeguamento o miglioramento in siti con ag (accelerazione al suolo rigido orizzontale e tempo di ritorno 475 anni) > 0,2 g   (punto A.1 allegato 1 alla DGR n. 1814/2020)

  • nuove costruzioni complesse che si discostano dalle usuali tipologie (punto A.2 allegato 1 alla DGR n. 1814/2020)

  • interventi di nuova costruzione, adeguamento e miglioramento relativi a costruzioni di interesse strategico per finalità di protezione civile o rilevanti in caso di collasso  (punto A.3 allegato 1 alla DGR n. 1814/2020)

  • interventi in abitati dichiarati da consolidare  ( punto A.4.1 allegato 1 alla DGR n. 1814/2020)

  • sopraelevazione di edifici  (punto A.4.2 allegato 1 alla DGR n. 1814/2020)

  • progetti presentati a seguito di accertamento di violazione delle norme antisismiche  (punto A.4.3 allegato 1 alla DGR n. 1814/2020)

_________________________________________________________________________________________________________________________________________________________

PROROGA EFFETTI ATTI AMMINISTRATIVI IN SCADENZA – aggiornamento

La Legge n. 159 del 27novembre 2020, di conversione del decreto legge n. 125 del 7 ottobre 2020, ha esteso gli effetti degli atti amministrativi (anche la validità delle autorizzazioni sismiche e dei depositi dei progetti esecutivi riguardanti le strutture) in scadenza tra il 31 gennaio 2020 e la data della dichiarazione di cessazione dello stato di emergenza fino a 90 giorni successivi alla dichiarazione di cessazione dello stato di emergenza

Questo lo stralcio del testo dell'art. 103 del DL 18/2020 convertito, con modifiche, dalla Legge 24/2020 coordinato con la Legge n. 159/2020 pubblicata il 3/12/2020:

2. Tutti i certificati, attestati, permessi, concessioni, autorizzazioni e atti abilitativi comunque denominati, compresi i termini di inizio e di ultimazione dei lavori di cui all’articolo 15 del testo unico di cui al decreto del Presidente della Repubblica 6 giugno 2001, n. 380, in scadenza tra il 31 gennaio 2020 e la data della dichiarazione di cessazione dello stato di emergenza epidemiologica da COVID-19, conservano la loro validità per i novanta giorni successivi alla dichiarazione di cessazione dello stato di emergenza. La disposizione di cui al periodo precedente si applica anche alle segnalazioni certificate di inizio attività, alle segnalazioni certificate di agibilità, nonché alle autorizzazioni paesaggistiche e alle autorizzazioni ambientali comunque denominate. Il medesimo termine si applica anche al ritiro dei titoli abilitativi edilizi comunque denominati rilasciati fino alla dichiarazione di cessazione dello stato di emergenza.

2-sexies. Tutti i certificati, attestati, permessi, concessioni, autorizzazioni e atti abilitativi comunque denominati, di cui al comma 2, scaduti tra il 1° agosto 2020 e la data di entrata in vigore della legge di conversione del decreto-legge 7 ottobre 2020, n. 125, e che non sono stati rinnovati, si intendono validi e sono soggetti alla disciplina di cui al medesimo comma 2.

_____________________________________________

NUOVA CASELLA PEC RISERVATA ALL'UNITA' SISMICA

è operativa la nuova casella di posta elettronica dedicata alle
comunicazioni certificate da e per l'Unità Sismica

sismica@pec.comune.forli.fc.it

Comune di Forlì - Piazza Saffi, 8 47121 Forlì - Tel. 0543 712111 - Partita IVA: 00606620409
Redazione a cura dello Sportello unico dell'edilizia

Valid XHTML 1.0 Strict