Sei in: Home » SISMICA » PROCEDIMENTI
 
PROCEDIMENTI

DEPOSITO del progetto esecutivo riguardante le strutture per interventi di MINORE RILEVANZA - AGGIORNAMENTO a seguito della pubblicazione della DGR 1814/2020 (operativa dal 24 dicembre 2020)

Il DLg n. 32/19, convertito in Legge n. 55/19, ha modificato gli articoli articoli 65, 67 e 93 del DPR 380/01 e inserito nello stesso decreto l'art. 94 bis.
L'art. 94 bis al comma 1 lettera b) introduce gli "interventi di minore rilevanza nei riguardi della pubblica incolumità" non soggetti ad autorizzazione preventiva.

Con DGR n. 1814 del 07/12/2020 (pubblicata sul BUR n. 442 del 23 dicembre 2020 e pertanto operativa dal 24/12/2020) è stato approvato l' “ATTO DI INDIRIZZO RECANTE L'INDIVIDUAZIONE DEGLI INTERVENTI STRUTTURALI IN ZONE SISMICHE, DI CUI ALL'ARTICOLO 94-BIS DEL DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 6 GIUGNO 2001, N. 380, IN ADEGUAMENTO ALLE LINEE GUIDA APPROVATE CON IL DECRETO DEL MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI 30 APRILE 2020” che ha individuato nuove tipologie di interventi “DI MINORE RILEVANZA” da assoggettare a deposito.

In zona sismica 2, in cui ricadono i Comuni afferenti alla Struttura Tecnica Competente istituita presso il Comune di Forlì sono soggetti a DEPOSITO DEL PROGETTO ESECUTIVO RIGUARDANTE LE STRUTTURE e soggette a controllo secondo la normativa regionale vigente (LR 19/2008 e LR 15/2013)

gli INTERVENTI di cui all’art. art.94 bis comma 1 lettera b) del DPR 380/2001 individuati dal DM 20/04/2020 che rientrano nella categoria B di MINORE RILEVANZA di cui all'allegato 1 alla DGR n. 1814/2020:

  • interventi di adeguamento o miglioramento in sito con ag (suolo rigido orizzontale e tempo di ritorno 475 anni) < 0,2 g che non riguardano costruzioni di interesse strategico o rilevante _ punto B.1 allegato 1 alla DGR n. 1814/2020

  • interventi di riparazione e/o interventi locali sulle costruzioni esistenti _ punto B.2 allegato 1 alla DGR n. 1814/2020

  • nuove costruzioni non complesse con usuali tipologie che non riguardano costruzioni di interesse strategico o rilevante _ punto B.3 allegato 1 alla DGR n. 1814/2020

  • nuove costruzioni con presenza solo occasionale di persone ed edifici agricoli in classe d’uso I di cui al § 2.4.2 delle NTC 2018 _ punto B.4 allegato 1 alla DGR n. 1814/2020

gli interventi per l'ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE  (art. 80 DPR 380/2001 - art.17 LR 19/2008)

che NON riguardano:

  • abitati dichiarati da consolidare (art.  61 comma 1 del DPR 380/2001 - art.11, comma 2 lettera a)  LR n.19/08)
  • sopraelevazione di edifici (art. 90 comma 1 DPR 380/2001 e art. 11, comma 2, lettera d) L.R. n. 19/08)
  • violazione delle norme tecniche antisismiche (art.11, comma 2, lettera b)  LR n.19/08)

Le pratiche presentate fino al 23 dicembre 2020 continueranno a seguire le disposizioni previgenti.

ISTRUZIONI per il DEPOSITO

L'inoltro del deposito dovrà essere telematico con PEC al Comune e p.c. alla Struttura tecnica competente, contestuale o successivo alla pratica edilizia

Nell'oggetto della PEC dovrà essere indicato:"DEPOSITO SISMICO in Comune di  .......  via ........ intestato a ........

Contenuto PEC:

  • Modulo MUR D.2
  • Modulo MUR A.3/D.3
  • Modulo MUR A.4/D.4 (ad esclusione dell'intervento locale)
  • Procura speciale e delega del Committente
  • Ricevuta versamento spese istruttorie
  • Attestazione pagamento/esenzione imposta di bollo (1 bollo da € 16,00)
  • Documenti identità di chi ha apposto firma autografa (es. Committente, Costruttore)
  • Documentazione tecnica prevista dalla DGR 1373/11 e indicata nella sezione "ALLEGATI" del modulo MUR D.2

Tutti i file, in pdf A dovranno essere firmati digitalmente dal procuratore speciale e dai tecnici interessati

Il deposito del progetto esecutivo delle strutture ha validità per cinque anni a decorrere dalla data di attestazione di avvenuto deposito, che sarà inviata tramite PEC al procuratore a seguito del controllo (da parte del SUE/SUAP del comune di riferimento) di completezza e regolarità formale della documentazione presentata di cui al par. B.3 dell'All. B alla DGR 1373/11.

.  A seguito del rilascio dell'attestazione i lavori potranno iniziare alle seguenti condizioni:
- sono presenti dati e firma del costruttore sul modulo di denuncia di deposito oppure è stata presentata denuncia dei lavori ai sensi dell'art. 65 del DPR 380/01;
è efficace il titolo abilitativo edilizio.

____________________________________________________________________________________________________________

ISTANZA DI AUTORIZZAZIONE SISMICA per interventi RILEVANTI  - AGGIORNAMENTO a seguito della pubblicazione della DGR 1814/2020 (operativa dal 24 dicembre 2020)

Con DGR n. 1814 del 07/12/2020 (pubblicata sul BUR n. 442 del 23 dicembre 2020 e pertanto operativa dal 24/12/2020) è stato approvato l' “ATTO DI INDIRIZZO RECANTE L'INDIVIDUAZIONE DEGLI INTERVENTI STRUTTURALI IN ZONE SISMICHE, DI CUI ALL'ARTICOLO 94-BIS DEL DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 6 GIUGNO 2001, N. 380, IN ADEGUAMENTO ALLE LINEE GUIDA APPROVATE CON IL DECRETO DEL MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI 30 APRILE 2020” che ha individuato le tipologie di interventi “RILEVANTI” soggetti ad autorizzazione sism

In zona sismica 2, in cui ricadono i Comuni afferenti alla Struttura Tecnica Competente istituita presso il Comune di Forlì sono soggetti ad AUTORIZZAZIONE SISMICA:

gli INTERVENTI di cui all’art. art.94 bis comma 1 lettera a) del DPR 380/2001 individuati dal DM 20/04/2020 che rientrano nella categoria ARILEVANTI di cui all'allegato 1 alla DGR n. 1814/2020:

  • interventi di adeguamento o miglioramento in siti conag (accelerazione al suolo rigido orizzontale e tempo di ritorno 475 anni) > 0,2 g   (punto A.1 allegato 1 alla DGR n. 1814/2020)

  • nuove costruzioni complesse che si discostano dalle usuali tipologie (punto A.2 allegato 1 alla DGR n. 1814/2020)

  • interventi di nuova costruzione, adeguamento e miglioramentorelativi a costruzioni di interesse strategico per finalità di protezione civile o rilevanti in caso di collasso  (punto A.3 allegato 1 alla DGR n. 1814/2020)

  • interventi in abitati dichiarati da consolidare  ( punto A.4.1 allegato 1 alla DGR n. 1814/2020)

  • sopraelevazione di edifici  (punto A.4.2 allegato 1 alla DGR n. 1814/2020)

  • progetti presentati a seguito di accertamento di violazione delle norme antisismiche  (punto A.4.3 allegato 1 alla DGR n. 1814/2020)

ISTRUZIONI per la presentazione dell'ISTANZA DI AUTORIZZAZIONE

L'inoltro dell'istanza di autorizzazione dovrà essere telematica con PEC al Comune e p.c. alla Struttura tecnica competente, contestuale o successiva alla pratica edilizia

Nell'oggetto della PEC dovrà essere indicato: "ISTANZA DI AUTORIZZAZIONE SISMICA in Comune di  .......  via ........ intestatA a ........

Contenuto PEC:

  • Modulo MUR A.2
  • Modulo MUR A.3/D.3
  • Modulo MUR A.4/D.4 (ad esclusione dell'intervento locale)
  • Procura speciale e delega del Committente
  • Ricevuta versamento spese istruttorie
  • Attestazione pagamento/esenzione imposta di bollo (2 bolli da € 16,00)
  • Documenti identità di chi ha apposto firma autografa (es. Committente, Costruttore)
  • Documentazione tecnica prevista dalla DGR 1373/11 e indicata nella sezione "ALLEGATI" del modulo MUR D.2

Tutti i file, in pdf A dovranno essere firmati digitalmente dal procuratore speciale e dai tecnici interessati

L'autorizzazione sismica ha validità per cinque anni a decorrere dalla data della comunicazione del suo rilascioche sarà inviata tramite PEC al procuratore.

.  A seguito del rilascio dell'autorizzazione i lavori potranno iniziare alle seguenti condizioni:
- sono presenti dati e firma del costruttore sul modulo di denuncia di deposito oppure è stata presentata denuncia dei lavori ai sensi dell'art. 65 del DPR 380/01;
è efficace il titolo abilitativo edilizio.

______________________________________________________________________________________________________________________________________________________

ISTANZE SISMICHE IN SANATORIA

Le istanze devono essere contestuali alle istanze edilizie in sanatoria e devono essere presentate esclusivamente in forma telematica con PEC  al Comune competente e p.c. alla Struttura tecnica

All'interno della pratica sismica dovrà essere inserita anche la seguente documentazione, conforme a quanto presentato per la pratica edilizia comprendente:

- relazione descrittiva delle opere abusive con chiaramente indicato il periodo di esecuzione delle opere e le caratteristiche strutturali dell'edificio

- relazione fotografica

- elaborato architettonico

Comune di Forlì - Piazza Saffi, 8 47121 Forlì - Tel. 0543 712111 - Partita IVA: 00606620409
Redazione a cura dello Sportello unico dell'edilizia

Valid XHTML 1.0 Strict